Corso correttore bozze

aprile 14, 2009 at 8:03 am 64 commenti

Neolaureati in cerca di corsi per correttore di bozze, ci rivolgiamo a voi con un aggiornamento su moduli di formazione e master per l’anno in corso.

Corsi on line
Non ci sentiamo di consigliarli a piene mani, ma meglio di niente. Cominciamo con Oblique che organizza docenze su più livelli per correttori di bozze, redattori, impaginatori, traduttori. Esiste appunto, per i corsi “correttore bozze” e “redattore”, anche l’opzione a distanza (500 euro).

A Roma, Ipermedia offre la duplice possibilità di formarsi attraverso lezioni frontali o on-line, a distanza.

Corsi tradizionali
Il Laboratorio Gutenberg presenta un programma didattico specifico per il redattore, uno più generico relativo ai mestieri dell’editoria. Molto interessante il fatto che alla fine del corso l’allievo più dotato si guadagnerà una borsa di studio del valore di euro 1.150 (il costo complessivo dell’iscrizione però è di 1.300 euro). L’edizione 2010 è purtroppo già partita, ma confidate nelle successive. Sede del corso: Roma.

Gettonati, ubiqui e piuttosto di moda i corsi di Herzog: ce ne sono di diversi tipi, si svolgono a Roma, Milano, Napoli, Firenze, Bari. Sono in genere più brevi e più economici, quindi meno approfonditi ma più pratici. Per dovere di completezza segnaliamo che non tutti gli utenti se ne sono detti soddisfatti: noi non li abbiamo sperimentati in prima persona, perciò sospendiamo il giudizio.

La segreteria de La bottega editoriale ci segnala la sua Scuola di Redattore di casa editrice (sotto forma di corso tradizionale tenuto nella zona di Cosenza oppure in versione on-line), in partenza ogni anno nel periodo autunnale. E’ orientato prevalentemente sui periodici e sulla realtà editoriale locale, il che può risultare utile a chi vive in zona.

Molto costoso (4.000 euro) ma comodo in termini di orario è il corso serale di tecnica editoriale di Accademia Comunicazione. Vi si accede previa selezione, anche se non ci è chiaro quali siano i criteri della medesima. La frequenza è, in questo caso, obbligatoria.

Master
Per portafogli gonfi anche il Master organizzato dalla Fondazione Mondadori: 3.600 euro, con test d’ingresso; la durata però è significativa: 30 ore a settimana per sei mesi. Per il 2010 le iscrizioni sono già chiuse e bisognerà attendere il 2011. Lo stesso vale per l’analogo Master proposto dall’Università La Sapienza di Roma. Fino al 2009 anche l’Università di Milano ne ha organizzato uno: sul sito ufficiale le informazioni aggiornate latitano, consigliamo di rivolgersi alla segreteria.

Siete ancora in tempo invece per il master di 450 ore (più stage) gestito da Comunika, al costo di euro 3.500, con sede a Roma.

Ormai un classico la Scuola di editoria di Firenze: ne abbiamo già parlato nel post specificamente dedicato all’utilità dei master, dove abbiamo citato anche l’osannato Master dell’Università di Bologna diretto da Umberto Eco (per il quale, di nuovo, occorrerà aspettare la tornata del 2011/2012).

L’offerta non è sconfinata, ma è accettabile. Per quanto riguarda la qualità dei corsi che abbiamo citato naturalmente non abbiamo gli strumenti per garantire: attendiamo perciò ben volentieri i commenti di chi li avesse sperimentati con più o meno soddisfazione.

About these ads

Entry filed under: annunci lavoro, correzione bozze, editing, formazione, notizie, risorse. Tags: , , , , , , , , .

Filosofia del correttore di bozze La vita animata dei correttori di bozze

64 commenti Add your own

  • 1. CHICCA  |  maggio 12, 2009 alle 10:47 am

    credo che i corsi online siano un’ottima soluzione per gli studenti lavoratori.. io ad esempio mi sono iscritta all’università telematica UNISU e mi trovo molto bene perchè riesco a studiare e lavorare contemporaneamente.

    Rispondi
  • 2. Master editoria « correttore bozze  |  agosto 21, 2009 alle 7:50 am

    [...] Altre informazioni su corsi correttore bozze, corsi on-line e master editoria in questo post. [...]

    Rispondi
  • 3. Eve  |  settembre 7, 2009 alle 12:34 pm

    Ciao a tutti,
    grazie per questa carrellata!

    Ho cominciato ad interessarmi alla professione di correttore di bozze/redattore da poco tempo a questa parte.

    Ho superato i trent’anni: sono fuori tempo massimo per iniziare?

    Non me la sento di investire tempo e denaro in un Master, vorrei acquisire delle competenze operative.

    La mia domanda è: i corsi di Herzog che avete citato, oltre che essere molto gettonati, sono anche utili?

    Qualcuno che li ha frequentati può darmi la propria opinione?

    Grazie!

    Rispondi
  • 4. correttricedibozze  |  settembre 7, 2009 alle 12:41 pm

    Ciao Eve, personalmente non li ho frequentati, perciò giro la domanda agli altri utenti!

    Rispondi
  • 5. Eve  |  settembre 7, 2009 alle 12:55 pm

    Grazie cara correttricedibozze per aver pubblicato la mia domanda!

    Un buon consiglio (se arriverà) mi farà bene.

    Rispondi
  • 6. Fra  |  gennaio 18, 2010 alle 3:53 pm

    Ciao a tutti/e,
    anch’io sarei interessata a sapere qualcosa di più sull’utilità dei corsi Herzog.
    Inoltre, qualcuno sa qulcosa a proposito dei corsi organizzati dalla casa editrice Odoya di Bologna?
    Grazie e complimenti per il sito!
    Francesca

    Rispondi
    • 7. dani  |  luglio 10, 2012 alle 3:55 pm

      I corsi Odoya sono pessimi, personalmente ne ho fatto uno e mi sento truffato. Qualche compagno di corso era arrivato anche a chiedere indietro la somma versata per frequentare il corso…

      Rispondi
      • 8. Alessandra  |  marzo 6, 2014 alle 5:39 pm

        Veramente?Cavolo io mi sono appena iscritta!! Ma nessuno dei partecipanti ha effettuato lob stage?

  • 9. correttricedibozze  |  gennaio 18, 2010 alle 4:14 pm

    Non conosco Odoya; su Herzog, non posso dare un giudizio di prima mano ma una nostra lettrice non è rimasta soddisfatta del corso per redattore. Naturalmente questo può dipendere dalle singole aspettative o da una valutazione soggettiva, ma mi pare doveroso segnalarlo.

    Rispondi
    • 10. margherita  |  luglio 10, 2010 alle 12:08 am

      ciao a tutti.
      io ho frequentato il corso herzog “lavorare in editoria. il consulente letterraio e il redattore nelle case editrici”.
      non solo sono rimasta soddisfatta del metodo e del merito… ma ho fatto della mia passione il mio lavoro!
      a distanza di due anni faccio l’editor nell’azienda che all’epoca mi accolse come stagista :))

      Rispondi
      • 11. correttricedibozze  |  luglio 10, 2010 alle 9:33 am

        Questa è un’ottima notizia per tutti!

  • 12. Daniela  |  maggio 17, 2010 alle 9:05 pm

    Sto iniziando un corso on-line con Ipermedia, vi terrò aggiornati, così almeno avrete un riscontro diretto!
    P.S. Grazie per il sito, è bellissimo, mi ci perdo!!
    Daniela

    Rispondi
    • 13. correttricedibozze  |  maggio 18, 2010 alle 6:59 am

      Grazie mille, aspettiamo con ansia il tuo feedback sul corso!

      Rispondi
    • 14. Martina  |  maggio 30, 2014 alle 7:17 pm

      Siccome vorrei fare il corso con Ipermedia, ma non trovo assolutamente pareri o commenti, posso sapere come ti sei trovata?

      Rispondi
  • 15. Redattore editoriale « correttore bozze  |  agosto 31, 2010 alle 4:16 pm

    [...] per poi eventualmente specializzarsi su uno o due: il consiglio è di scegliere bene fra i corsi e i master universitari selezionando quelli più completi (meglio se comprendenti uno stage) e di non accontentarsi di una [...]

    Rispondi
  • 16. Giovanna  |  settembre 13, 2010 alle 12:31 pm

    Salve,
    io ho frequentato tre anni fa il master Comunika; non è male ma offre nulla di più che una visione generale dell’editoria, sono affrontati vari temi ma poco approfonditi. Per lo stage…i tempi di attesa sono lunghi; io mi sono dovuta cercare da sola una casa editrice che mi prendesse come stagista nella mia città! Consiglierei anche i corsi della Perrone editore e della Minimum fax. A ottobre seguirò un corso intensivo di editing, tenuto da Lagioia, presso la sede della Minimum fax a Roma….

    Rispondi
  • 17. Sfiduciata  |  settembre 25, 2010 alle 9:32 am

    Ciao ragazzi.
    Riguardo ai corsi della Herzog, da quel che ho visto in rete, mi pare che a Bari non ne facciano più :o( Mi sapete dire qualcosa al riguardo?
    Poi, sempre per la zona di Bari, ci sono quelli della Omnibook di cui mi hanno parlato parecchio bene, e come prezzo siamo intorno alle 500 euro.
    Però vi dico anche di stare attenti ad informarvi bene bene su corsi e prezzi. Soprattutto quando non vengono scritti in rete, e vi si parla di corsi/stage ai quali accedere tramite selezione.
    Ve lo dico perchè purtroppo sia a me che ad altra gente è capitato di trovare annunci, chiedere informazioni sui prezzi, non ricevere risposta su questa cosa bensì essere invitati ad un colloquio per la selezione in sede e poi sentirci dire che bisognava sganciare la bellezza di 4000 euro per un corso/stage di appena 3 mesi (con “possibilità di proroga fino a 6 mesi se sei brava”). E voglio dire, mi sembra anche esagerato come prezzo, visto che non sono di certo master…Non si trattava nemmeno di lezioni, bensì di affiancare i presenti per imparare, ma senza la minima garanzia per il futuro. In pratica dovevi pagare quella cifra per lavorare qualche mese, e poi tutti a casa.
    Insomma…c’è da starci con gli occhi aperti.
    Poi, sempre grazie alla mia bella “esperienza”, vi dico pure di aprire gli occhi anche su altri stage che riguardano questo settore, e che vi vengono proposti in ambienti “affidabili” in un certo senso, da strutture dalle quali non ve le aspettereste mai fregature. Ho frequentato una cosa del genere per quasi un anno, fortunatamente era gratuita, ma ho comunque dovuto sostenere delle spese per i vari viaggi. Ok, non importava, ero disponibilissima a farmi la gavetta, pur di avere un certificato almeno. Risultato? Quasi un anno a lavorare anche in piena notte (“l’editoria è così! Se a mezzanotte ti chiedono una recensione, entro mezzanotte e mezza dovete mandarla o siete fuori!”) per cosa? Per niente. La persona che ci ha fatto letteralmente smazzare è scomparsa, è diventata irreperibile, abbiamo scoperto varie cose poco piacevoli e che puzzano di fregatura, e la cosa peggiore è che chi di dovere, chi avrebbe dovuto dar garanzie sulla cosa che stavamo facendo, non ci fornisce risposte o ci dice solo “abbiamo perso le tracce”. E nessunissimo certificato che possa almeno esser la prova che comunque l’esperienza finalmente ce l’hai, visto che serve la firma della persona in questione per averlo.Potete immaginare lo stato d’animo in cui si cade in questi casi… Soprattutto se siete purtroppo disoccupati, avete rifiutato ogni tipo di lavoro (anche lezioni private!) per un anno intero per dar retta a questa cosa, e da parte avete solo 100 euro con le quali non potete seguire nemmeno uno dei corsi economici.

    Perdonatemi, non voglio gettarvi nelle sfiducia totale… Ci sarà pure qualcosa di onesto in questa Italia… Ma vi dico solo OCCHI BENE APERTI, perchè in quel settore è difficilissimo trovare persone che ti diano fiducia senza pretendere l’anima (economicamente parlando) in cambio o senza sfruttarti e poi sparire. E, una volta rimasti fregati, vi resta l’amaro in bocca :o(

    Un bacio a tutti, spero di esservi stata in qualche modo utile.

    Buon lavoro :o)

    Rispondi
    • 18. Angela  |  dicembre 11, 2010 alle 11:41 am

      Ti confermo che la Herzog non tiene più corsi a Bari dal 2007. Il che per me è stata una vera disdetta, dato che attendevo di concludere gli studi universitari per potermici iscrivere e son rimasta con un palmo di naso quando ho scoperto che la sede più vicina al corso era Napoli.
      Quanto alla Omnibook, sto cercando qualche informazione in più. Sul loro sito si parla solo di corsi per correttori di bozze, mentre i corsi per redattore editoriale non vengono più attivati da qualche anno…

      Rispondi
  • 19. correttricedibozze  |  settembre 25, 2010 alle 9:47 am

    brrr… che brutta esperienza! Spero davvero che possa essere presto ripagata con un posto di lavoro onesto e sicuro! Ma in questi casi non c’è la possibilità di rivolgersi al sindacato? Si risparmiano i soldi dell’avvocato e probabilmente si ottiene di più… Ti consiglio di informarti, hai senz’altro diritto quantomeno a quella firma!
    Ti consiglio anche di metterti in contatto con la rete ReRePre (http://www.rerepre.org/): probabilmente sapranno consigliarti meglio di me…

    Rispondi
    • 20. Sfiduciata  |  settembre 25, 2010 alle 12:17 pm

      Grazie infinitamente del suggerimento :) Vedrò di chiedere a loro consiglio su cosa fare :)
      Diciamo che io tra tutti coloro che hanno partecipato a quello stage, son quella purtroppo maggiormente fregata probabilmente :( Perdonami, non posso raccontare nei dettagli tutto in quanto siamo ancora in piena fase “dobbiamo risolvere la cosa”, per cui puoi capire…ma diciamo che io ero un’esterna in un certo senso, che si è purtroppo fidata della promessa di chi ci ha fregato (diceva che avrebbe parlato con delle persone per farmi avere anche il loro timbro sul documento o – nella peggiore delle ipotesi – me ne avrebbe fatto uno a parte a nome della sua fantomatica casa editrice) e adesso in pratica mi ritrovo in una posizione orrenda, perchè posso dimostrare di aver lavorato solo attraverso tutto il materiale in mio possesso (mail e file vari) e l’eventuale testimonianza degli altri partecipanti, ma poi basta :(
      Vedete, purtroppo si può cascare in certe trappole quando bisogna cavarsela sul serio da soli perchè non si può contare nemmeno su un eventuale aiuto da parte della famiglia in caso di difficoltà, vivendo in un ambiente dove disoccupazione e precariato sono all’ordine del giorno e ti ritrovi costretta a rinunciare in parte ai tuoi sogni per aiutare chi ami.
      E la cosa che più fa rabbia è sapere che le cose non vanno così ovunque…l’anno scorso avevo trovato un corso, destinato proprio ai disoccupati con problemi economici come me, gratuito, anzi, ancora meglio, con un rimborso per la frequenza. Corso proprio nel settore editoriale, che si svolgeva se non ricordo male vicino Torino. Ovviamente ho dovuto rinunciare anche solo a far domanda. E mi ha fatto male il pensiero che qui, qui dove abito io, qui dove ne siamo un po’ di ragazzi che hanno una gran voglia di IMPARARE e lottare per un sogno ma non possono sempre permetterselo, queste cose in questo settore non ci siano…
      Ho speso una marea di denaro lo scorso anno in raccomandate ed altro, proponendomi alle varie case editrici anche per uno stage gratuito di 10-12 ore al giorno, pur di potermi fare la benedetta esperienza che tutti richiedono per darti un lavoro, ma nessuno ti concede di fare senza pretendere denaro in cambio. Disposta a farmi sfruttare per un anno intero, pur di avere quel “pezzo di carta” che vale anche più della mia laurea, a quanto pare.
      Fino ad ora nessuna risposta. Perciò, quando ho saputo di quello stage gratuito, mi ci sono tuffata subito. Ed era a quanto sembra una fregatura. Adesso? Adesso comunque l’ho inserita come esperienza nel curriculum, certo…ma diciamoci la verità ragazzi…il più delle volte uno stage è vero che ti insegna varie cose ed è positivo questo, certo, ma è anche vero che la sua massima utilità è il fatto che ti permette di entrare in contatto con gente di un certo ambiente, di conoscere e farti conoscere, e di sperare di restarci. Ma quando si tratta di una fregatura come nel mio caso, non ti resta altro che una voce in più sul curriculum, ignorata come le altre esperienze che hai.
      A quel punto cerchi un altro corso o stage che ti costi poco e ti dia maggiori garanzie. Ma usi come nickname “sfiduciata” perchè non sai più se continuare a crederci o arrenderti come hanno fatto già altri prima di te.

      Scusatemi per lo sfogo.

      Spero che ad altri vada meglio :)
      Io cercherò di non mollare :)

      Baci a tutti :)

      Rispondi
  • 21. Lavoro correttore bozze: a chi invio il CV? « correttore bozze  |  novembre 22, 2010 alle 11:53 am

    [...] editrice: l’elenco degli editori italiani e del canton ticino. Una volta conquistata una solida formazione teorica, eccovi pronti per proporvi per una collaborazione (uno stage, verosimilmente) presso una casa [...]

    Rispondi
  • 22. Annunci di lavoro correttore di bozze « correttore bozze  |  novembre 22, 2010 alle 11:53 am

    [...] assicuratevi di avere la formazione necessaria. E’ senz’altro preferibile aver seguito un corso o un master e soprattutto uno stage prima di [...]

    Rispondi
  • 23. Lela  |  novembre 30, 2010 alle 5:41 pm

    Ciao ragazzi! Innanzitutto volevo dare il mio contributo sul corso dello Studio Oblique che ho frequentato. Quello scelto da me era in correzione di bozze, della durata di 6 mesi, svolto completamente online se non per due lezioni frontali tenute a Roma. La tutor che mi è stata affiancata era molto competente e disponibile, e mi ha fatto fare moltissima pratica. La teoria si è ridotta alle due lezioni frontali, per il resto mi mandavano l’esercitazione da correggere e poi commentavamo insieme il risultato. Insomma, professionalità e disponibilità, hanno sempre risposto ad ogni mio dubbio. Peccato che alla fine del corso siano completamente scomparsi! Ho più volte richiesto un colloquio telefonico orientativo (contatti a cui chiedere lavoro, consigli, referenze) ma niente, non hanno più risposto e dopo un mese ho lasciato perdere… Tuttavia l’esperienza del corso è stata formativa, ho imparato un mestiere esercitandomi ripetutamente.
    Detto questo, vorrei partecipare anche a un corso di editing per completare la mia formazione: stavo guardando quelli della minimum fax che per me sarebbero ideali (lavoro -in un alttro settore purtroppo- e non posso frequentare lezioni) visto che concentrano il tutto in tre giorni, oppure andrebbe bene anche un corso online. Voi che ne dite? Esperienze dirette? Grazie mille!

    Rispondi
    • 24. correttricedibozze  |  novembre 30, 2010 alle 5:47 pm

      Grazie mille per il tuo feedback, credo sarà molto utile ai lettori.

      Rispondi
  • 25. elisa  |  dicembre 28, 2010 alle 11:07 am

    Ciao a tutti e grazie per i preziosi consigli, anch’io vorrei seguire un corso di redattore o correttore di bozze. Sarei orientata verso quello Herzog, ma vorrei farmi prima un’idea della bibliografia dalla quale attingono.
    Qualcuno potrebbe postarla? Magari anche degli altri corsi già svolti?

    Credo che sia il modo migliore per comprendere l’approccio alle tematiche che intendono affrontare. Nei vari siti c’è a mala pena una scheda molto generica che “dice e non dice”
    grazie in anticipo a tutti

    Rispondi
    • 26. correttricedibozze  |  gennaio 7, 2011 alle 8:17 am

      In effetti, se qualcuno dispone di dispense non protette da copyright, programmi dettagliati, bibliografie e docenti dei corsi e qualsiasi informazione non si trovi su internet la posti, sarà utile a tutti! Ovviamente no alle comunicazioni pubblicitarie, restiamo super partes…

      Rispondi
  • 27. Laura  |  febbraio 4, 2011 alle 10:06 am

    Che ne pensate dei corsi di navarra editore? tra poco partiranno i corsi on line.

    Rispondi
  • 28. Luciana  |  giugno 29, 2011 alle 2:00 pm

    Ciao a tutti,
    io consiglio vivamente il corso specialistico in correzione di bozze organizzato da Oblique Studio di Roma. Mi sono trovata molto bene, gli insegnanti sono fantastici e molto professionali, e soprattutto il corso è veramente pratico e approfondito. Grazie a loro poi ho fatto dei lavori con delle case editrici, e tutt’ora collaboro da freelance con un editore. Quando ho fatto io il corso le lezioni erano 6 e il costo di 450 euro, ma ci hanno regalato una lezione in più di tre ore. Non credo che sia una cosa frequente. Lo consiglio davvero di cuore. Vi segnalo il link: http://www.oblique.it/formazione_correttore.html
    A Roma sono i migliori.

    Luciana

    Rispondi
    • 29. correttricedibozze  |  giugno 29, 2011 alle 2:06 pm

      Grazie del feedback, Luciana. Certo solo 6 lezioni per 450 euro non sono una soluzione economicissima, ma se la qualità paga si può fare!

      Rispondi
  • 30. gioGiorgia  |  agosto 15, 2011 alle 8:57 am

    cosa ne pensate di questo?

    http://managementculturadigitale.wordpress.com/

    è il nuovo master dell’Universita di Verona.

    Rispondi
    • 31. correttricedibozze  |  agosto 16, 2011 alle 7:20 am

      A guardare il programma sembra che abbia un taglio interessante e un po’ diverso dal solito. In proporzione alle ore effettive mi sembra molto costoso, e forse il ruolo che si andrà a ricoprire come stagista non è del tutto chiaro.

      Rispondi
      • 32. gioGiorgia  |  agosto 22, 2011 alle 8:53 am

        Sono molto indecisa sul da farsi. Mi sono laureata nella triennale in lettere. Vorrei lavorare nel mondo dell’editoria e sto considerando principalmente due percorsi: la specialistica in Editoria e Giornalismo dell’Uni di Verona o il master linkato due post sopra.
        Avevo visto i corsi di Oblique a Roma e me ne ero “innamorata”, ma sono stata persuasa a finire il percorso iniziato.
        Con una specialistica di questo tipo probabilmente dopo dovrei comunque seguire un corso di fromazione, mentre forse il master è più formativo e qualificante.
        Il taglio dato al master in management della cultura digitale è sicuramente originale ma, pensando alla mia inclinazione personale, sarei più interessata all’editoria libraria (vedi master Mondadori).
        Dico questo forse perchè non ne so abbastanza, e non ho ben chiare le abilità che acquisirei con un mester dal taglio così diverso e allo stesso tempo al passo coi tempi.
        Non vorrei buttarmi in cose inutili sprecando tempo e denaro.
        Spero che qualcuno saprà consigliarmi.
        Grazie in anticipo!

  • 33. correttricedibozze  |  agosto 22, 2011 alle 9:01 am

    La risposta non è facile… Forse, se fossi in te, mi accerterei che la triennale sia sufficiente per accedere a un master tipo quello Mondadori (dato che mi sembra ti interessi di più), e mi iscriverei contemporaneamente alla specialistica nella stessa città, ammesso che le due cose siano compatibili in termini di tempo ed economici. Così ti ritroveresti alla fine con una laurea specifica e un master professionalizzante senza perdere altri anni di formazione. Mal che vada, potrai investire altro denaro per seguire, in seguito, un altro master più simile a quello in cultura digitale, tutto dipende da quante risorse economiche puoi investire, perché tutti questi percorsi sono comunque molto costosi…

    Rispondi
    • 34. j  |  settembre 1, 2011 alle 3:22 pm

      Mi piacerebbe sapere se qualcuno sia mai riuscito a conseguire una laurea specialistica e in contemporanea un master,,, e se dopo tutto ciò abbia avuto ancora le energie fisiche, mentali ed economiche per fare un altro master… per poi ritrovarsi … disoccupato :D ahahaha

      ps: c’è una ripetizione nella sua risposta… ” potrai investire altro denaro per seguire, in seguito, un altro master più simile …”

      Rispondi
      • 35. correttricedibozze  |  settembre 1, 2011 alle 3:29 pm

        Beh dipende dalla durata del master e dall’impegno richiesto, magari ce ne sono di serali, nel weekend… e si può volendo dare gli esami meno importanti da non frequentante. Certo la garanzia di trovare poi un lavoro non c’è, in ogni caso. E’ vero, “seguire” + “in seguito” è orribile, grazie per la segnalazione.

  • 36. Chiara  |  settembre 15, 2011 alle 11:07 am

    Salve a tutti!
    Per prima cosa volevo farvi i complimenti e ringraziarvi perchè siete un vero e proprio aiuto a chi vuole fare questo mestiere.
    Ho letto i post di Lela e Luciana sul corso Oblique che hanno frequentato. Dato che anch’io vorrei seguire on-line il corso per correttore di bozze, volevo chiedere come si svolgono queste lezioni on-line, perchè non ho ben capito: ti mandano semplicemente le esercitazioni via mail e ci si confronta con il tutor solo per la correzione ed eventuali dubbi oppure sono lezioni pre-impostate, di quelle in cui clicchi sul video della lezione e hai semplicemente una lezione registrata?oppure interagisci direttamente con il tutor durante la lezione?Le mie domande sono probabilmente sciocche, ma ci terrei molto a fare un corso, quindi preferisco informarmi bene.
    Grazie mille per il vostro splendido lavoro!
    Chiara

    Rispondi
  • 37. mandarino  |  ottobre 10, 2011 alle 1:25 pm

    Ciao a tutti, che fortuna aver trovato questo sito! Sono in procinto di iniziare un master in editoria a Milano ma ce ne sono talmente tanti anche online che non riesco veramente a capire quali siano validi e quali no. Penso di iscrivermi al Master organizzato dalla fondazione Mondadori che avete citato sopra, ma vorrei chiedervi se qualcuno ne ha sentito parlare bene oppure no. Non riesco inoltre a capire se si tratta di un Master “privato” oppure é organizzato dall’Università degli Studi di Milano? Mi sembra ottimo in quanto offre la possibilità di effettuare 6 mesi di stage dopo il corso, percui é molto pratico e per questo interessante, ma i contenuti del corso non mi convincono… non sarebbe il caso ad esempio di consoscere anche dei software di impaginazione o programmi per la correzione di bozze?…
    Spero che qualcuno mi sappia consigliare!
    Grazie!!!!!

    Rispondi
  • 38. Laura  |  ottobre 27, 2011 alle 9:58 am

    Ciao a tutti!Volevo chiedere se qualcuno ha mai frequentato dei corsi in editoria a Torino. So che qua c’é la casa editrice Lindau che organizza un corso ma é abbastanza caro (circa 2000 euro), oppure c’é l’agenzia editoriale Con.testi. Qualcuno li conosce o ha sentito dei pareri/commenti positivi o negativi?
    Grazie!
    Laura

    Rispondi
  • 39. Laura  |  ottobre 27, 2011 alle 10:05 am

    Ciao! Per comoditá posto i link dei corsi in editoria a Torino che ho citato sopra:

    Lindau

    http://www.lindau.it/dettaglioCorso.asp?idCorso=1

    Contesti

    http://www.contesti.it/corsi/index_corsi.htm

    Son ben accetti commenti da esperti! Se preferite rispondetemi anche in privato.
    Grazie!

    Rispondi
  • 40. Elena  |  novembre 8, 2011 alle 9:51 pm

    Ciao a tutti!
    Qualcuno conosce i corsi di formazione online di “Tempo Vissuto”? Come vi sembra il programma che offrono? Il prezzo sembra molto più economico degli altri corsi, ma ciò significa meno serietà?

    Il corso partirà il 16 novembre e sono proprio indecisa se buttarmici o no…

    http://formazione.tempovissuto.it/index.php/corso-di-formazione-per-correttore-di-bozze/

    Rispondi
  • 41. ortica  |  gennaio 19, 2012 alle 4:05 pm

    Complimenti per il blog, molto interessante e con spunti utili.
    Come Mandarino, sono in cerca di qualche parere/consiglio sul Master in Editoria Libraria della Mondadori.
    Dal programma sembra completo e ben fatto, ma preferirei avere commenti “veri” da chi l’ha seguito.
    Vi ringrazio in anticipo,

    Ila

    Rispondi
    • 42. correttricedibozze  |  gennaio 19, 2012 alle 5:10 pm

      Io ne ho sentito dire bene e il programma pare serio, ma non l’ho sperimentato in prima persona.

      Rispondi
  • 43. ortica  |  gennaio 20, 2012 alle 10:12 am

    Ti ringrazio :)
    Se ci sarà qualche altro intervento.. ringrazio ancora ^__^

    Rispondi
  • 44. tina  |  gennaio 20, 2012 alle 2:21 pm

    Salve a tutti,
    ho una laurea specialistica in lettere conseguita a settembre di quest’anno e mi piacerebbe diventare redattrice editoriale, tuttavia sono molto indecisa sui passi da compiere: meglio iniziare da uno stage post-laurea in una piccola casa editrice (magari a Roma o Milano) o puntare subito su un valido master con stage assicurato a conclusione del corso?

    Rispondi
    • 45. correttricedibozze  |  gennaio 20, 2012 alle 2:37 pm

      A meno che tu abbia già individuato la possibilità di uno stage, io opterei per la seconda ipotesi.

      Rispondi
      • 46. tina  |  gennaio 21, 2012 alle 9:55 am

        In realtà sì, avrei la possibilità di uno stage post-laurea. Il mio dubbio è appunto se accettare questa esperienza che mi viene offerta dal circuito universitario in quanto neolaureata oppure tentare di accedere subito al master della fondazione mondadori (nel caso accettassi lo stage avrei comunque in previsione di fare il master l’anno prossimo, ma ho paura di perdere tempo).
        Dimenticavo, entrambe le soluzioni presuppongono un mio trasferimento.

  • 47. correttricedibozze  |  gennaio 21, 2012 alle 10:11 am

    Certo la scelta non è facile! Il master che ti offre l’università quanto dura? Hai modo di verificarne la validità? Certo perdere un anno intero… Mah, io quasi quasi opterei direttamente per il master, se hai comunque intenzione di frequentarlo tanto vale cominciare subito.

    Rispondi
  • 48. tina  |  gennaio 21, 2012 alle 10:24 am

    Lo stage offerto dall’università dovrebbe essere valido e in teoria potrebbe durare da tre a un massimo di sei mesi, dipende dall’ente (nel mio caso credo saranno 3-4 mesi). Tuttavia riflettendoci nulla mi vieta di prendere tempo e tentare le selezioni per il master Mondadori, anche perché temo non sia così ovvio superarle (o sì?).
    Grazie dei consigli, resto comunque in attesa di qualsiasi ulteriore suggerimento.

    Rispondi
  • 49. correttricedibozze  |  gennaio 21, 2012 alle 10:36 am

    Esatto. Magari potresti riuscire a infilare lo stage comunque prima dell’inizio del master, sperando appunto di passare la selezione, ora non ho ben presente i tempi.

    Rispondi
  • 50. ortica  |  gennaio 23, 2012 alle 8:33 am

    Vi lascio solo la “mia” esperienza (che è una su mille), ma è sempre uno spunto.
    Laureata, tento l’ammissione al Master Mondadori e, per poco, non passo; trovo uno stage (da me) e lo faccio, ma con “supporto” (de che?) dell’Università. Inizio un lavoro che, per motivi mai compresi, dopo tot mesi termina. Da qui il calvario. Esperienze lavorative varie e brevi. Tramite un’altra università trovo un altro master, lo faccio, con un dispendio di tempo, soldi ed energie non indifferente. Promettevano uno stage. In realtà è stata una cosa organizzata male, molto male e lo stage ho dovuto cercarmelo da sola. E nonostante i possibili contatti del master son finita vicino treviso a farlo(e io son di Milano!). Sosetgno da parte loro: zero.
    Inutile dire che non mi ha portato praticamente a nulla.
    Ora, ho rirpeso in considerazione il master Mondadori perchè l’editoria resta il mio obbiettivo e confido in un’organizzazione migliore (essendo della fondazione e non dell’università, anche se patrocinato da essa).
    Consiglio spassionato per tina: prova il Master, poi scegli e vedi.
    Io attendo sempre qualche parere sul Master in questione; per me tentare (sempre ammettendo di riuscire a passare, che non è detto!) vorrebbe dire mettere in gioco un altro anno di vita (e gli anni passano… e non è facile!). So di non poter avere la sicurezza totale, ma almeno avere un riscontro che è un Master che funziona e che ti immette seriamente nel mondo del lavoro mi farebbe piacere.
    A fare la precaria riesco benissimo da sola ;)
    In bocca al lupo a tutti.

    Rispondi
  • 51. ortica  |  gennaio 23, 2012 alle 8:34 am

    Ah, il Master Mondadori inizerebbe il 7 marzo. :)

    Rispondi
    • 52. tina  |  gennaio 23, 2012 alle 12:56 pm

      grazie dei consigli, tenterò il test e poi si vedrà ;-)

      Rispondi
  • 53. mandarino  |  gennaio 23, 2012 alle 1:52 pm

    Ciao ortica, volevo chiederti come hai trovato l’esame per il master della mondadori, è molto difficile?
    grazie mille

    Rispondi
  • 54. ortica  |  gennaio 24, 2012 alle 8:30 am

    @Mandarino: da quello che ricordo (lo feci nel 2007!), con un pò di letture e con una buona conoscenza dei fatti di attualità, è superabile.
    Se ricordo bene, la prima prova prevedeva:
    – un test a risposta multipla su cultura generale (dal sapere a “cos’è l’ISBN” al “chi è Lodovico Einaudi” e cose simili. Di tutto un pò.)
    – una prova di correzione di un testo (con errori grammaticali o di sintassi etc)
    – una prova di scrittura, in quel caso un breve articolo sul perchè, secondo noi, il genere “giallo” era così diffuso e amato dal pubblico
    … non ricordo altro… ma forse dimentico qualcosa.

    Eravamo almeno duecento a provarlo.
    Passammo in 60 (cca). Di questi ne passarono solo una ventina (il numero massimo era 23, credo)
    La seconda prova era più semplice: un breve test di lingua (francese o inglese a nostra scelta) e il colloquio motivazionale.

    Fanno una somma di punti, che non è dato sapere (a parte il risultato finale). Chi è dentro è dentro. Su quello sono molto inflessibili.

    Io non so ancora cosa fare, se provarlo o se rinunciare.
    In bocca al lupo

    Rispondi
  • 55. mandarino  |  gennaio 24, 2012 alle 1:01 pm

    @ortica: 200, speravo meno, sono tantissimi :S! Io mi sono iscritta e provo a darli. O la va o la spacca ;) Ti ringrazio molto per le informazioni anche perché non riuscivo a capire bene cosa intendessero con “tema di natura editoriale” nella descrizione dell’esame scritto sul sito.
    Perchè non tenti cmq? …non si sa mai! (l’iscrizione scade il 1°febbraio!)

    Rispondi
  • 56. Maia  |  febbraio 4, 2012 alle 10:15 am

    Qualcuno mi saprebbe dare qualche informazione sulla validità dei corsi organizzati da “Tempo Vissuto”?
    Grazie!

    Rispondi
    • 57. correttricedibozze  |  febbraio 4, 2012 alle 10:25 am

      Io non ne ho mai sentito parlare, sai dirci qualche cosa di più?

      Rispondi
      • 58. Maia  |  febbraio 4, 2012 alle 10:34 am

        A marzo dovrebbe partire questo corso online:

        http://formazione.tempovissuto.it/index.php/corso-di-formazione-per-correttore-di-bozze/

        Mi piacerebbe seguirlo ma non so effettivamente quanto possa essere valido. Resto in attesa di qualche suggerimento. Grazie ancora!

      • 59. Alenixedda  |  febbraio 4, 2012 alle 11:58 am

        anche io tempo fa avevo visto lo stesso annuncio, ma nessuno mi ha saputo dire se era un corso buono o no….Resta il fatto che è il più economico che ho trovato in giro, e mi frulla sempre per la testa di farlo!!!
        Fateci sapere se lo conoscete!!!

      • 60. correttricedibozze  |  febbraio 4, 2012 alle 12:49 pm

        Non lo conosco e quindi non posso dire se sia buono o meno, però mi pare manchino alcuni elementi utili come un’infarinatura dei programmi di impaginazione, la possibilità di comprendere i meccanismi globali del lavoro editoriale, un cenno all’editoria digitale mentre si punta (non che non abbia senso, intendiamoci) sulla conoscenza dei meccanismi della lingua, che dovrebbe essere di per sé il punto di partenza. Mi insospettisce un po’ la frase “Al termine del corso, il corpo docente si riserva la possibilità di selezionare alcuni corsisti per svolgere alcune ulteriori attività di esercitazione gratuita sui testi editi da Tempovissuto”.

  • 61. margherita  |  febbraio 12, 2012 alle 4:52 pm

    Ciao, io mi sono iscritta al Corso di Formazione “I mestieri dell’editoria” organizzato dal Laboratorio Gutenberg con il patrocinio dell’Università La Sapienza di Roma, inizio il 18 febbraio! Speriamo bene, che sia interessante e valido. C’è per caso qualcuno che l’ha frequentato nelle scorse edizioni o che ne ha sentito parlare che mi sa dire qualcosa in proposito?
    In bocca al lupo a tutti :)

    Rispondi
  • 62. ele  |  settembre 13, 2012 alle 10:18 am

    ciao ragazzi, qualcuno di voi ha fatto il corso a firenze, quello di scuola dell editoria?

    Rispondi
    • 63. Kika  |  settembre 16, 2013 alle 5:00 pm

      Il mio consiglio è quello di EVITARLE ASSOLUTAMENTE la Scuola di Editoria di Firenze. Nel 2012-2013 spesso le lezioni venivano preparate in modo approssimativo, il materiale didattico consiste in un libro di testo e in computer inutilizzabili (addirittura alcune lezioni sono state annullate). Alla fine delle 300 ore si hanno le stesse conoscenze che si avrebbero leggendo un manualetto e lo stage è spesso una pratica fittizia. Il costo è buono in proporzione alle ore e allo stage ma assolutamente esagerato per il servizio proposto. Statene alla larga, ragazzi.

      Rispondi
  • 64. Alessandra  |  marzo 6, 2014 alle 5:37 pm

    Qualcuno conosce il Corso per redattori organizzato dalla casa editrice Odoya a Bologna?
    Grazie mille in anticipo!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Unisciti agli altri 270 follower


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 270 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: