Il correttore di bozze

Fra i libri che i correttori di bozze comprano per vezzo professionale, dal 2007 figura Il correttore di bozze di Francesco Recami, Sellerio. Anche noi lo abbiamo letto.

Letterariamente parlando, dobbiamo confessare che ci ha lasciati un po’ perplessi: non che sia mal scritto, ma… insomma, non ci è sembrato nemmeno troppo convincente. Ciò detto, crediamo che quelli “del mestiere” soddisferanno, nel leggerlo, più d’una perversa velleità di autorappresentazione, frustrazioni e ossessioni comprese.
Contratti precari, pretese funamboliche, caporedattori arroganti, autori permalosi, orari di consegna, matite e penne rosse, simboli e tariffe. C’è un po’ tutto il mondo dei redattori disseminato nelle pagine di questo strano noir. Incluse le bozze piene di refusi. Chi volesse fare un po’ d’allenamento si consideri sfidato!

«Che differenza c’è tra ibidem e ivi, oppure ibid.? Oppure fra op. cit. e semplicemente cit.?
Il correttore sapeva che l’attenzione a queste cose era molto diminuita nel corso degli anni. E al tempo stesso era diminuito il prestigio sociale di chi faceva quel mestiere. Una volta, un giorno che era di umore veramente nero, era arrivato a inveire, fra sé e sé, contro coloro che esigono che si scriva a se stante, invece che a sé stante.
“Ma chi se ne frega?” Pensava a proposito della questione. Oppure “chissene frega” e perché no “chissenefrega”?»

Annunci

Un pensiero su “Il correttore di bozze

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...