Editoria, contratti precari: c’è ReRePre

Correttori di bozze, editor, redattori, traduttori afflitti da contratti ballerini, ritenute d’acconto e tariffe low cost: chi di voi non conoscesse ReRePre, la Rete dei Redattori Precari, si affretti a visitare le pagine del sito (rerepre.org).

Di che si tratta? Di una rete vivacissima di redattori precari, per l’appunto, che nel proprio manifesto dichiara di volersi “opporre all’esternalizzazione selvaggia dei servizi editoriali e battersi affinché per i redattori e le altre qualifiche tipiche del nostro settore il lavoro subordinato torni ad essere la regola e non l’eccezione”. Benché non aprioristicamente contrari alle collaborazioni occasionali e freelance (che molti di noi in verità hanno abbracciato con entusiasmo), quelli di ReRePre ritengono giustamente che “queste forme di prestazione debbano essere scelte anche dal lavoratore, non solo dall’azienda, che debbano essere retribuite in maniera adeguata e che tempi e modalità del loro svolgimento debbano essere concordati tra le parti”.

Non un sindacato, certo, ma un manipolo di arrabbiati consapevoli che attraverso la raccolta di testimonianze e notizie, l’organizzazione di incontri, indagini, sondaggi e iniziative di vario genere (alcune molto intelligenti, come il recente, paradossale scouting in cerca di editori che soddisfino i giusti requisiti di correttezza aziendale, in cambio di pubblicità gratuita) intendono martellare senza posa su un argomento che a tutti noi non può che stare a cuore: lavorare in condizioni di onestà, retribuzione adeguata, non ricattabilità e riconoscimento della professionalità di ognuno.

Un link da tenere sotto gli occhi e diffondere!

Annunci

2 pensieri su “Editoria, contratti precari: c’è ReRePre

  1. cari colleghi fantasma, dal lontano 1998 svolgo la mansione di correttore – indicista per una nota casa editrice con contratto partita iva. la paga è magra, il lavoro mai continuativo e le prospettive per il futuro sempre precarie, sono felice di sapere di non essere l’unica a vivere questa deprecabile quantunque interessante esperienza. ciao a tutti e buona vita!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...