Bozze di libri famosi

Fra i correttori di bozze c’è senz’altro un buon numero di feticisti del libro: quelli che annusano la carta, che accarezzano le copertine, che addirittura (oh, cielo!) i libri se li portano a letto! Non osiamo immaginare il fremito di costoro di fronte alle bozze originali di qualche celebre romanzo, magari proprio quelle corrette dall’autore stesso.

In effetti si tratta di un’occasione rara, e generalmente successiva alla morte dello scrittore, giacché pochi redattori saranno stati tanto lungimiranti da conservare le bozze sgualcite di un autore allora giovane e in perfetta salute, immaginando che qualcuno le avrebbe potute un giorno esporre in un museo. Qualche curiosità in giro per la rete però si trova: qui per esempio è riprodotta una pagina con le correzioni dattiloscritte al manoscritto di Lolita, risalenti al 1955 ossia all’anno della prima edizione.

David Foster Wallace ha lasciato una discreta mole di bozze corrette, delle quali qualcosa (molto in piccolo) si intravede qui. Scrittura disordinata, ma buona tecnica: usa i simboli a margine quasi come uno di noi… Per curiosi e devoti, l’archivio completo può essere consultato dal vivo (insieme ad altro materiale relativo all’autore) presso l’Harry Ransom Center di Austin, Texas.

Per completezza torniamo a citare, anche se si tratta di una cosa un po’ diversa, anche le lettere di Stieg Larsson all’editor di cui parlammo già qui. Curioso anche l’articolo di Booksblog che raccoglie qualche immagine degli scaraboccchi che grandi scrittori hanno fatto sui propri libri.

Se conoscete casi analoghi, o addirittura possedete pagine preziose, vi preghiamo di segnalarceli: aggiorneremo volentieri questo post!

Annunci

5 pensieri su “Bozze di libri famosi

      • Ho condiviso questo vostro articolo su facebook, aggiungendo che proprio ieri ho trovato, e pubblicato, un link che parlava delle note a matita di Mark Twain in un libro di per sé di scarso valore letterario MA naturalmente custodito gelosamente in una biblioteca di Chicago. Se vi interessa, posso cercare di ritrovarlo, ma non so se è pertinente…
        Io ho diversi libri antichi, ma ancora non ho trovato commenti interessanti. Guarderò meglio. Certo non possono essere degli autori (Tasso, Boccaccio, Bembo ecc.).
        Ho però qualche lettera ricevuta da personaggi interessanti, soprattutto una – bellissima – di un filosofo italiano.

  1. Segnalo sempre presso la Libreria antiquaria Pontremoli di Milano:

    – copia di lavoro de l’«Allegria» di Ungaretti (Roma, Novissima, 1936) utilizzata dall’autore per le correzioni da inserire nella successiva edizione Mondadori 1942. Qui la scheda completa:
    http://www.libreriapontremoli.it/mostra_scheda.php?cod=14891

    – estratto autonomo da «Botteghe oscure» XI, maggio 1953, del testo «Gli ebrei» di Saba, a cura e con prefazione di Carlo Levi; si tratta della copia di lavoro dell’autore per l’edizione poi apparsa come primo scritto della raccolta «Ricordi – racconti» (Mondadori 1956): la copia è contrassegnata dalla firma e data autografe dell’autore alla prima carta bianca, e da quattro correzioni a penna e matita, di mano dell’autore, che vanno a sanare errori di stampa (e in un caso inseriscono una variazione ‘stilistica’). Le correzioni sono segnate in perfetto stile ‘correttore di bozze’. Qui un’immagine: http://bit.ly/hFexGT

    Di nuovo saluti,
    Giacomo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...