Correttore bozze freelance: il planning

Per chi si trova a lavorare nell’editoria come freelance, magari in telelavoro da casa, l’efficace pianificazione delle consegne è una questione essenziale. Ecco qualche idea utile in proposito.

post-it-notes-1284667_1920

Prendi nota

Primo: nessuno è infallibile, per questo sono stati inventati i post-it e le calamite per il frigorifero. Un’abitudine fondamentale per non perdere tempo e denaro consiste nell’annotare sistematicamente (e subito) appuntamenti, consegne e date di partenza dei lavori sul supporto prediletto: alcuni amano ancora l’agenda cartacea, nulla di male, ma verosimilmente la maggior parte di noi preferisce cose come il Calendario Apple, con i suoi minacciosi avvisi che lampeggiano sul monitor, o programmi più elaborati come Trello (un planner utilizzabile anche in condivisione, con un livello di personalizzazione soddisfacente), Wrike (articolato e particolarmente orientato al lavoro di gruppo), Asana, o con uno dei numerosi tool pensati per prendere appunti su supporti diversi e integrarli in qualcosa di paragonabile allo sportello del frigorifero, però virtuale.

Non solo la scadenza

Nel nostro piccolo, per ogni commessa con cui abbiamo a che fare abbiamo l’abitudine di annotare molte cose: la data in cui abbiamo promesso o pianificato di iniziare il lavoro e il collaboratore a cui esso è affidato, poi una serie di avvisi (dopo due giorni, prima impressione sul lavoro; 5-3 giorni prima della consegna, chiedere al collaboratore se tutto procede secondo i piani; il giorno prima della consegna, verificare che tutto sia stato fatto; consegna; data di fatturazione; scadenza del pagamento; eventuale sollecito). Ciò evita di imbattersi in quell’attimo di puro orrore del leggere sulla data di oggi, in colore rosso fuoco, la scadenza di un lavoro programmato da tempo che ci eravamo dimenticati di iniziare.

Calcolare quanto tempo serve

Non sempre noi freelance abbiamo il lusso di poter rispondere alla domanda “Quanto tempo ti serve?” senza poi sentirci dire che dobbiamo impiegare la metà delle ore necessarie. In ogni caso, stabilire a priori quanto ci vorrà per consegnare un lavoro non è mai facile. Un’abitudine vincente è tenere un elenco in cui riportare, per esempio, il numero di cartelle al giorno che siamo in grado di correggere per tipologie diverse di lavori reali già noti. Se io so che l’anno scorso ho impiegato tre giorni, a un ritmo normale, per la seconda bozza di una rivista, quando lo stesso cliente mi domanderà di correggere il nuovo numero potrò chiedergliene cinque, già sapendo che mi metterà fretta e che in uno dei quattro giorni rimasti avrò la febbre.

Autodisciplina

Il problema opposto si verifica quando abbiamo del lavoro da fare, ma la scadenza è lontana o peggio indefinita. Un grosso romanzo noioso, una revisione a tempo perso, un articolo non urgente. Quando un compito ci annoia e nessuno ci controlla, ammettiamolo, facciamo fatica a non perdere tempo guardando idiozie su Facebook. Se la nostra tempra da sola non basta, esistono tool per bloccare alcuni social durante l’orario di lavoro (per esempio, SelfControl).

Abbiamo parlato tempo fa anche di strumenti utili per migliorare la propria efficienza e calcolare il tempo effettivo che impieghiamo per portare a termine un lavoro, o per incoraggiarci alla produttività a costo di impostare timer volutamente ansiogeni come Write or die e Pomodoro timer.

Una lettura utile

Mentre ci interrogavamo su questi temi allo scopo di condividere qualche consiglio sperabilmente utile sul blog, ci è stato segnalato che qualcuno ne aveva scritto in modo diffuso ed efficace. Per chi è alla ricerca di suggerimenti a largo raggio su un’organizzazione funzionale e “moderna” (passateci il termine) del lavoro freelance consigliamo quindi di acquistare Francesca Marano, Solopreneur. L’organizzazione del lavoro (in proprio) spiegata semplice, Zandegù, 2015.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...