Correzione bozze siti internet

Soprattutto a chi opera come freelance capitano spesso nel calderone del lavoro di correzione bozze siti internet, articoli per blog e pagine Facebook. Trattare questi contenuti nello stesso modo in cui si agirebbe su un testo destinato alla stampa sarebbe un errore.

Il mondo del web vive di una serie di regole e di professioni (web editor, web content manager, web writer, web copywriter…) che in parte coincidono con quelle dell’editoria tradizionale, in parte se ne discostano e vanno riconosciute e comprese.

Nel nostro lavoro redattore editoriale e redattore web possono abitare dentro lo stesso corpo, purché utilizzino di volta in volta l’approccio giusto.

Primo. Lavorare su testi destinati al web spesso richiede tempi più stretti. Per ottenere il numero atteso di accessi, un articolo deve prima di tutto uscire al momento giusto. Nella maggior parte dei casi, anche il compenso è stretto. I testi per un sito statico promozionale hanno un comportamento differente e sono più vicini alla comunicazione pubblicitaria; generalmente la stesura viene affidata a un copywriter freelance e, quando arrivano al correttore di bozze, devono essere trattati con molta delicatezza: salvo diversa indicazione, “toccare” il meno possibile è una strategia adeguata.

Secondo. Il linguaggio e la struttura di un post per un blog o un magazine non sono gli stessi, evidentemente, di quelli di un capitolo in un volume dedicato al medesimo argomento, fatte salve le differenze di taglio, pubblico e stile della piattaforma che dovrà ospitarlo. Nella maggior parte dei casi è richiesto un lessico mediamente accessibile, frasi brevi, blocchi di testo che possano stare per intero dentro allo schermo di uno smartphone, intervallati da foto e link interni. Corretti dal punto di vista formale, ma soprattutto fruibili con i mezzi per i quali vengono prodotti.

Terzo. Anche se non siete esperti SEO saprete che la maggior parte dei contenuti online è zeppa di parole chiave (le logiche di tale approccio sono più complesse di così, ma non è questa la sede in cui illustrarle). Le Keyword sono elementi imprescindibili di questi testi e non devono essere modificate: è fondamentale chiedere al committente di indicarvi quali sono le combinazioni inserite in modo da non rischiare di rovinare il lavoro di chi è stato pagato per sceglierle. Se il controllo e adattamento SEO avviene successivamente alla vostra correzione, è bene che il cliente si renda conto del fatto che la possibilità che vengano introdotti dei refusi ex post è alta, e che non è colpa vostra.

Quarto. Come per tutti gli ambiti del lavoro editoriale, se dovete correggere testi per siti e blog imparare i concetti base del web copywriting può aiutarvi a prevenire i problemi e compiere una revisione più efficace e sensata. Oltre a fornirvi il primo gradino per ampliare la vostra professionalità e diventare, all’occorrenza, dei redattori capaci anche di scrivere per internet.

Quinto. Chi ha in mano i soldi ha vinto, si suol dire. Nel caso del telelavoro per internet, questa affermazione è particolarmente importante: si aggirano numerose e rischiose formule basate su periodi di prova, pagamento in visibilità, compenso in base agli accessi, lavoro in cambio di formazione, multilevel e simili. Se questo può, eventualmente, avere un senso per chi scrive, difficilmente converrà a chi corregge. Valutate attentamente l’attendibilità del cliente cercando tutte le informazioni possibili, e chiedete un anticipo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...